Il Progetto

Questo progetto è stato pensato e realizzato da sapienti maestri orafi di Valenza Po, che con passione, creatività e accuratezza, esprimono il meglio del nostro “Made in Italy” nel settore dell’alta gioielleria; unico grande limite pensare da industriali ma operare, ancora oggi, da piccoli artigiani.

Ecco perché nasce il progetto "Tennis Tatitoto", il più classico e ricercato monile di gioielleria degli ultimi 40 anni.

Il bracciale Tennis è unicamente e sempre realizzato interamente a mano ed è composto dall’assemblaggio di più elementi denominati comunemente “griffe”, saldati tra loro artigianalmente uno ad uno fino a comporre della misura desiderata lo “scafo” dove successivamente viene saldata in un secondo tempo la “chiusura di sicurezza” anch’essa realizzata con un assemblaggio di più elementi.

 

Per la realizzazione del prodotto pronto alla commercializzazione i passaggi obbligati sono 12:

  1. le “griffe” e la “chiusura di sicurezza” vengono realizzate in cera;

  2. suddetti elementi in cera vengono assemblati in un alberello a forma di cilindro, così pronti per la fusione nel materiale prescelto, in questo caso il bronzo;

  3. per la preparazione alla fusione l’alberello di cera viene immerso in un cilindro di un composto a base di cristobalite, questo procedimento di fusione è denominato “fusione a cera persa” specifico per oreficeria di alta gamma, tempo di lavorazione. Tempo di elaborazione: 14 ore circa (da quando il cilindro entra dentro il forno di fusione);

  4. all’uscita dal forno il cilindro è sottoposto a pulitura con decappanti specifici e l’alberello di cera si è trasformato in alberello di bronzo;

  5. in questa fase le “griffe” vengono spiantonate dall’alberello una per una, ripulite e sgrassate in un macchinario denominato “burato”;

  6. le “griffe” vengono assemblate e saldate manualmente fra di loro fino a completare lo scafo nella misura desiderata;

  7. viene inserita in un secondo momento la “chiusura di sicurezza”;

  8. il bracciale viene passato al reparto pulitura e ad un primo controllo di qualità;

  9. ora vengono incastonate artigianalmente le pietre selezionate e il bracciale passa ad un secondo controllo di qualità;

  10. il bracciale ritorna al reparto pulitura e lucidatura;

  11. sempre nel reparto pulitura avviene la colorazione del bracciale con il rivestimento in “nano ceramica”, un procedimento in micro particelle di ceramica colorata;

  12. finalmente l’oggetto è pronto per l’ultimo controllo di qualità che ne decide la commercializzazione.

Il punto di forza dell’oggetto in discussione è ovviamente il suo totale “Made in Italy”.